Clamoroso al Tour of Norway: Confalonieri, Consonni, Persico e Sanguineti nelle prime 13 e Consonni conquista la maglia di miglior giovane

Si conclude con il punto esclamativo la spedizione scandinava della Valcar-PBM. Nell’ultima tappa del Tour of Norway le ragazze di Davide Arzeni hanno alzato il loro livello e hanno concluso con un risultato eclatante. Infatti nell’ordine d’arrivo della tappa più dura e impegnativa di questa gara World Tour a tappe che è stata “cannibalizzata” da Marianne Vos (tre vittorie in tre tappe) hanno fatto capolino Maria Giulia Confalonieri (6°), Chiara Consonni (8°), Silvia Persico (12°) e Ilaria Sanguineti (13°). Un successo.
La nota più lieta di questa giornata è sicuramente la prestazione di Chiara Consonni che ha difeso con i denti la leadership della classifica giovani dagli attacchi veementi della più quotata campionessa nazionale di Germania Liane Lippert. Grazie ad un eccellente lavoro di squadra (in questo senso sono state fondamentali anche Dalia Muccioli e Asja Paladin) Chiara Consonni è riuscita a conquistare la sua prima maglia in una gara World Tour.

“Sono contentissima come il primo giorno che l’ho indossata, anzi di più” racconta la diciannovenne bergamasca al termine della gara “devo ringraziare le mie compagne di squadre perché anche se non erano al top della condizione, hanno dato tutto per me e davvero non so come ringraziarle. Loro mi hanno sostenuto ogni giorno di questa corsa a tappe: è davvero, è tutto bellissimo. Speriamo che anche nelle prossime gare possano arrivare questi risultati”.

Un risultato clamoroso per almeno tre motivi. Innanzitutto perché Chiara Consonni ha soli 19 anni, poi perché il percorso non si addiceva assolutamente alle sue caratteristiche e infine perché soltanto un mese fa Chiara si rompeva il gomito al Giro Rosa saltando sia importanti giorni di allenamento, sia il BeNe Ladies Tour, corsa a tappe in Belgio decisamente più adatta alla bergamasca.